DanteCommons

Grazie alla sezione DanteCommons, ogni artista può scegliere di rendere la propria opera abbinabile a quella di un altro artista (ed esempio, l’immagine di un mio dipinto può diventare la copertina di un romanzo di uno scrittore emergente).
Ogni artista, in qualunque momento, può scegliere di inserire una opera nella sezione DanteCommons. Può farlo “vistando” il campo “Inserisci l’opera in DanteCommons” che appare tutte le volte che si desidera pubblicare/modificare un’opera.
Ciò rende visibile la propria opera ad altri artisti che desiderano creare “opere a più mani”.

Realizzazione di una raccolta con opere DanteCommons

La creazione di un’opera DanteCommons avviene in due fasi (per facilitare l’esempio prendiamo due artisti che chiamiamo “A” (scrittore) e “B” (fotografo). L’artista A vuole creare una raccolta, in formato e-book, associando 10 delle sue poesie a 10 foto che l’artista B ha condiviso in DanteCommons.

L’artista B, anche in caso di iniziale autorizzazione, può ripensarci e decidere, in qualunque momento, di cancellare le proprie opere dalla raccolta. In tal caso, la raccolta DanteCommons viene nuovamente “congelata” e resa invisibile. L’artista A riceve una notifica di “opera congelata” e viene invitato a creare una nuova raccolta che non comprenda le opere dell’artista B.

Tale iter e tali regole valgono anche nel caso di raccolte realizzate con opere di un numero indefinito di autori. Ogni singola modifica apportata alla raccolta deve essere autorizzata da ogni singolo artista.

DanteCommons permette la nascita di una nuova arte condivisa nel pieno rispetto della paternità di ogni singolo autore. È arte che genera arte.
Dantebus tiene in maniera particolare alla tutela del diritto d’autore.

×

Risultati della ricerca

Nessuna emoji trovata
Caricamento delle immagini in corso...
0%